LA DUE GIORNI DI CHAMPIONS!

Avremmo potuto titolare” Mourinho  la vede Blanc “ oppure “l’Italia che Verrà(tti)” ma siamo stati bravi e non lo abbiamo fatto.

La prima metà delle 8 partite degli ottavi ha visto uscire un impietoso Chelsea che con 90 minuti di superiorità numerica (60 minuti dei 90 minuti regolamentari più i 30 dei supplementari)  non è riuscito minimamente a creare trame di gioco accettabili, inoltre non è bastata la solita interpretazione difensiva e spigolosa sotto l’aspetto caratteriale prendendo due gol da palla inattiva, lì dove i Blues di Di Matteo costruirono le basi di una vittoria,per quanto fortunosa della coppa dalle grandi orecchie. Le inglesi perdono anche l’ultima squadra nell’Europa che conta (eccezion fatta di un miracolo dell’Arsenal) .Di Matteo che fa la gara perfetta con il Real Madrid giocando in modo offensivo, spregiudicato e talvolta offrendo anche soluzioni di gioco davvero godibile riusce a vincere per 3-4 al Bernabeu, tuttavia il risultato non è galantuomo e in funzione del 2-0 del Real in caso dei tedeschi, gli uomini di Di Matteo lasciano a testa alta,anzi altissima la Champions League.

Il Paris raccoglie quanto seminato negli ultimi due anni, una squadra che inizia a conoscersi a memoria dopo un periodo di apprendistato, una difesa tutta brasiliana che dopo i disastri del mondiale sembra essersi registrata (thiago silva MOSTRUOSO! N.d.r) un centrocampo italiano dettato dall’intelligenza tattica,nonostante la lentezza di Thiago Motta al rientro e le giocate, la cattiveria, la quantità e la qualità di Marco Verratti che sembra davvero aver preso per mano il Psg . Nonostante l’espulsione di un quasi impalpabile Ibrahimovic e un Cavani che non ripete la prestazione eccezionale dell’andata i parigini compiono un vero e proprio miracolo calcistico espugnando Stanford Bridge. Il successo tanto meritato da Blanc che consente al francese di rispondere sul campo alle critiche dei media.

Ancelotti nonostante il passaggio del turno non fa per nulla sogni tranquilli anzi in rete circolano hastag a favore del suo esonero così come il presidente del Real non sembra più vedere di buon occhio l’allenatore italiano, Carletto sembra abbandonato da tifosi e dirigenza. Riconoscenza, questa, sconosciuta!.

Per finire il Porto e il Bayern schiantano le rispettive rivali, con i risultati di  4-0 e 7-0 dove si mettono in mostra più che i meriti del Porto e dei bavaresi i limiti di squadre come Basilea e Shaktar che pur giocando un calcio tutto sommato gradevole non riescono a tener testa alla qualità di gioco dei tedeschi e portoghesi.

Questa due giorni di Champions ci insegnano che il calcio inglese tanto amato da tutti noi forse spreme troppo i calciatori giocando tra coppa di lega FA cup e Premier League 10 partite in più rispetto alle altre nazioni senza avere nessuna pausa. Così come il triplice fattore C (campioni, condizione e vabbè sulla terza ci arrivate anche voi) in questa competizione conta davvero tanto.

(Emilio)

LA DUE GIORNI DI CHAMPIONS!ultima modifica: 2015-03-12T17:37:02+01:00da mb1897
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento